Come può uno scoglio arginare il mare?

Non può.

Il mare è il mare : schiumeggia, avanza, inonda, prevarica e invade. Non si può rimproverare al mare di essere mare, né a una candela di bruciare: è la loro natura e, come tale, immodificabile.

Lo scoglio non deve arginare, ma godere nel venire invaso dal mare, che non può fare a meno di abbracciarlo, stringerlo, solleticarlo, ancora e ancora.

Non può nemmeno sperare di resistere sempre fiero e ritto: se la goccia scava la roccia, l’onda la frantuma, dolcemente ma inesorabilmente.

Ha dalla sua la forza del riparo: molluschi, alghe, crostacei, pesci, sirene e naufraghi trovano riparo in esso, possibilità di riposo, velleità di sopravvivenza e colonizzazione di spazi vergini e ostili.

E quando più scogli hanno la ventura di mettersi insieme, allora è il tempo della barriera corallina, delle baie, degli anfratti: ed è calma, riposo, bonaccia.

E quando più scogli hanno la sventura di trovarsi assieme allora è il tempo delle scogliere impervie e distruttive, che impediscono a chiunque di entrare e fanno girare al largo i naviganti.

1 pensiero su “Come può uno scoglio arginare il mare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...