La Quaresima, finalmente! 

Sono nata e cresciuta cattolica, come la stragrande maggioranza degli italiani. Mi sono avvicinata ad altre tradizioni, dai miei 20anni, ma ritengo sublimi tante cose del Cristianesimo, più che del cattolicesimo.
Il Cristianesimo è, infatti, una delle strade maestre per giungere alla Verità, è una delle Vie per giungere alla Vita, parafrasando una delle più famose affermazioni di Cristo.

La festa della Pasqua e sopratutto la Quaresima, è la mia festa cristiana preferita, sopratutto perché è l’unica rimasta in accordo con il calendario lunare, e dunque con il macrocosmo,la meccanica celeste, il mondo di sopra…

Non posso parlarne in termini dottrinali e tradizionali come farebbe chi se ne occupa direttamente, ma posso condividere qui alcuni aspetti che risuonano con la mia sensibilità. 

Innanzitutto il giorno delle ceneri: forse il mio preferito in tutta la quaresima. Ha la forza dirompente degli inizi, della cesura netta con ciò che l’ha preceduto, del prepararsi a morire al mondo. Le ceneri sono un simbolo potentissimo: sono quello che rimane dopo che il fuoco ha purificato tutto, la base iniziale per poter costruire, la morte e la rinascita.

Il fatto poi che le ceneri si mettano sulla fronte, tra le sopracciglia, ha così tante affinità con il mondo orientale,che non credo serva dilungarmi…sentite la potenza delle connessioni? 

Ma ciò che mi piace di più è il digiuno o l’ astinenza o la rinuncia a qualcosa. Amo molto le pratiche di purificazione: non solo perché sono molto Pitta, a cui piacciono le vertigini ascetiche,ma perché riconosco la bontà di questi metodi.

Rinunciare a qualcosa permette che l’ energia che tu dedichi normalmente a procurarti, metabolizzare, espellere quella cosa da te, sia esso cibo o abitudine a cui sei soggetto, sia libera, libera! Di circolare in altri modi, di essere impegnata per scopi ulteriori, di essere a disposizione per altri motivi. 

È come fare una bella rincorsa prima di fare un salto, come tendere la corda dell’ arco per scoccare una freccia, come respirare a lungo prima di scendere in apnea.

È ritornare a casa, e casa è se stessi.

Per questa quaresima mi sono ripromessa, alors, di evitare caffè, alcool e shopping. 

Voi? 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...