Seconda lettera ai Vegani

 Scusate l’inizio neotestamentario: è ovvio che io non sono Paolo e voi non siete i Corinti o gli Efesini, ma la tentazione era troppo grande per resistervi.

Parlo a voi cari vegani perchè vi so consapevoli e attenti: il mio intento era quello di aggiungere un altro elemento alle considerazioni che vi hanno portato alla vostra scelta. Preferisco ovviamente rivolgermi a voi, piuttosto che ad un onnivoro che non si è mai fatto una domanda sul cibo di cui si nutre.

Molti mi hanno scritto dicendomi:  sì, tutto vero e giusto, ma la crudeltà inflitte alle bestie di cui ci si nutre? il profitto iniquo di chi specula sulle povere bestie? L’inquinamento dato dagli allevamenti intensivi?l’utilizzo di aree fertili per produrre foraggio? 

E’ ovvio che sono elementi di cui si dovrebbe tener conto quando si decide, consapevolmente, di fare una scelta del genere.

Ritengo che il vero problema sia proprio questo: l’aver reso gli animali una semplice merce di scambio economico, l’averli ridotti a una cosa che, come tale, può essere crudelmente allevata e uccisa, senza nessun ritegno.

Il problema però, a questo punto, non riguarda solo gli allevamenti intensivi, ma riguarda anche l’agricoltura intensiva, che parte dal medesimo presupposto: la terra che diventa una COSA e dunque sfruttabile fino al suo esaurimento.

Potremmo dire, allora, che il concetto comune che sta alla base della massificazione dell’agricoltura e dell’allevamento è profondamente sbagliato. Sbagliato perchè in totale e netta antitesi con la naturalezza e la sacralità dei viventi, sia vegetali che animali.

Dalla mancanza di riconoscimento di un’anima, ( lasciatemela usare questa parola o sostituitela con energia o forza vitale se più vi aggrada) che abita ogni cosa che esiste, qualunque regno o famiglia, derivano, a parer mio, tante delle derive della nostra era o, come direbbe un mio caro amico parecchio apocalittico, la putredine del mondo contemporaneo.

Secondo l’Ayurveda tutto ciò che esiste è cosciente. Tutto. In gradi diversi e scale differenti ma, per il solo fatto che esista in questo mondo, è cosciente. La Coscienza Universale è la matrice di ogni cosa, anche di un sasso, di una carota, di un cavallo.

Un atteggiamento che sia veramente ayurvedico dovrebbe,dunque, essere un’attitudine consapevole della sacralità di ogni singolo aspetto dell’esistenza e di ogni singolo essere, che partecipa, in misura unica e irripetibile, dello stesso Principio.

Nutrirsi,tra i tanti aspetti del quotidiano, è un sacrificio di un’emanazione del Principio,sia esso un cavallo o una carota, che viene offerto al Principio che noi stessi siamo : ” …dal cibo nascono tutti gli esseri, vivono per mezzo del cibo e nel cibo ritornano”.( Taittyria Upanishad,3.2).Anche noi siamo cibo, e in esso ritorneremo.

Se si potesse davvero vivere in questo modo la sacralità dell’atto del nutrirsi, si potrebbero addirittura modificare le vibrazioni del cibo e annullare anche la sofferenza o la negatività che veicolano… ma a questa è un’altra storia e la racconteremo un’altra volta.

L’Ayurveda, inoltre, è la Scienza della Vita e come tale è Universale. Se è Universale non può escludere nulla dalla sua indagine e dalle sue indicazioni nutrizionali.

Non esiste nulla che sia proibito o nocivo in quanto tale: nemmeno il maiale o la vacca! In alcuni momenti e per alcune persone potrebbero avere degli ottimi effetti. 

I tabù alimentari sono un fattore culturale e,in quanto tali, non possono appartenere alla Scienza della Vita.

Esistono cibi migliori di altri, questo sì: cibi che aiutano la chiarezza mentale, che aumentano la pazienza e la calma, cibi che aumentano la passione e l’impegno nel mondo e cibi che inducono letargia e ottusità.

Anche questa però è un’altra storia e la racconteremo un’altra volta.

Sempre vostra

Eleonora

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...